Sbiancamento dei denti professionale

Sbiancamento dei denti professionale

Un sorriso smagliante ci aiuta a stare bene con noi stessi e a sentirci a nostro agio con gli altri. Per mantenere i denti sani serve una corretta igiene orale, ma è sempre piacevole anche poter vantare un sorriso da star!

Il trattamento di sbiancamento dei denti in sé non è invasivo e non comporta particolari rischi, la soluzione migliore per una perfetta resa è quella di affidarsi a professionisti del settore.

Ma vediamo quali sono le cause dell’ingiallimento e quali le strade percorribili per riportare i denti all’antico splendore.

Le cause dell’ingiallimento dei denti

I denti con il passare del tempo tendono ad ingiallirsi, per caratteristiche genetiche sfavorevoli, fumo, caffè, tè, liquirizia e coloranti. Tutto ciò comporta la formazione di macchie scure sugli stessi, che perdono pertanto il loro candore originale. Ed è qui che entrano in gioco le tecniche di sbiancamento professionale.

Le Tecniche di Sbiancamento

La tecnica dello sbiancamento può essere messa in atto in due modi: quello meccanico e quello chimico. Il primo comporta un’azione abrasiva sul dente, mentre il secondo agisce più in profondità tramite sostanze particolari e lampade che ne potenziano l’azione.

Sbiancamento-dei-denti-professionale

Tipologie di Sbiancamento

ABRASIONE
La prima tecnica viene messa in atto tramite l’uso di dentifrici abrasivi, da usare però con moderazione per non logorare lo smalto. Gli effetti di questa tecnica purtroppo sono superficiali e poco efficaci nel tempo.

IL BLEACHING
La tecnica più diffusa ed efficace è sicuramente la seconda, e tecnicamente prende il nome di “bleaching”. La sostanza più utilizzata in questo ambito è un gel a base di perossido di idrogeno al 35-38% c.a., il quale a seguito dell’esposizione ad una lampada particolare, si attiva e libera ossigeno. Quest’ultimo penetra poi nel dente, e tramite reazioni chimiche scompone le molecole delle macchie in composti piccoli e incolore di facile eliminazione.
Alla fine del trattamento, alcuni soggetti predisposti potrebbero soffrire di leggere gengiviti per i primi giorni successivi al trattamento.

MASCHERINE
Bisogna dire che esiste una valida alternativa da poter mettere in atto a domicilio, e consiste nell’applicazione di sostanze sbiancanti come il perossido di carbamide tramite apposite mascherine. Il risultato è simile al bleaching ed è garantito nel tempo.

QUANTO DURA UNO SBIANCAMENTO?
Questa è una domanda chiave che spesso i nostri pazienti ci rivolgono: la risposta è soggettiva, dipende quindi sia dalla tipologia dei denti del paziente che dal suo sitle di vita, oltrechè dal metodo utilizzato dall’igienista dentale.
Si può ripetere periodicamente, così da mantenere un aspetto sempre curato!

L’articolo ti è piaciuto?

Continua a seguire “Il dentista consiglia” oppure contattaci qui

Articolo

Nome *

La tua email *

Messaggio *

2020-10-05T13:57:28+00:00